Ago 04, 2021 06:53 Europe/Rome
  • Mosca e Pechino: vicina la fine del dollaro?

Mosca - Negli ultimi anni, sia la Russia che la Cina hanno cercato di ...

ridurre l'uso della valuta statunitense nelle loro economie. In particolare, le parti stanno attivamente aumentando gli insediamenti bilaterali in valute nazionali, oltre a sviluppare i propri sistemi finanziari e di pagamento.

Come evidenziato in un rapporto dell'US Congressional Research Service, gli Stati Uniti sono molto preoccupati per le prospettive di de-dollarizzazione in corso in Russia e Cina negli ultimi anni, al fine di rendere le loro economie indipendenti dalla residua influenza della valuta statunitense nel mercato globale.

Il report ha indicato come da più di dieci anni la Russia e la Cina stanno facendo sforzi per ridurre l'uso del dollaro statunitense nelle loro economie, una tendenza che, indicano gli autori dello studio, messa in atto cercando di proteggersi dalle sanzioni di Washington, così come di ridurre l'influenza della politica economica e monetaria degli Stati Uniti.

"Anche se la Russia e la Cina hanno un po' ridotto il loro uso del dollaro nel commercio, entrambi i paesi, come la maggior parte degli altri, dipendono ancora pesantemente dal dollaro. Tuttavia, nel tempo, se gli sforzi di de-dollarizzazione avranno successo, questo potrebbe influenzare le sanzioni statunitensi, l'economia statunitense e, di conseguenza, la stessa leadership economica globale degli Stati Uniti", si legge nel documento.

Gli analisti statunitensi hanno ricordato che dalla seconda guerra mondiale, il dollaro americano è rimasto la valuta di riserva dominante nel mercato globale, il che permette agli Stati Uniti di mantenere una posizione di primo piano nell'arena finanziaria ed economica internazionale, notano gli esperti incaricati dello studio.

"La posizione dominante del dollaro americano nelle transazioni transfrontaliere dà agli Stati Uniti un'importanza e una leva uniche attraverso politiche come le sanzioni finanziarie che impediscono l'accesso al sistema finanziario americano o l'uso del dollaro americano nel commercio internazionale", hanno sottolineato gli autori del rapporto del Congresso americano.

Negli ultimi anni, sia la Russia che la Cina hanno cercato di ridurre l'uso della valuta statunitense nelle loro economie, in particolare, le parti stanno attivamente aumentando gli insediamenti bilaterali in valute nazionali, oltre a sviluppare i propri sistemi finanziari e di pagamento.

Gli analisti statunitensi sottolineano nel testo che il dollaro rimane attualmente una componente importante dell'economia cinese, e la moneta nazionale statunitense occupa circa il 50-60% delle riserve del gigante asiatico. Un fatto che, secondo gli esperti, è giustificato perché gli Stati Uniti sono il più grande mercato di vendita di prodotti della Cina. "Pechino effettua ancora principalmente i pagamenti per le esportazioni verso altri paesi, così come nel quadro del progetto One Belt One Road, in dollari", hanno detto.

Nel frattempo, la Cina sta attivamente prendendo misure per de-dollarizzare la sua economia. In particolare, il paese sta cercando di aumentare l'uso dello yuan negli accordi commerciali con i suoi partner, compresa la Russia.

Negli ultimi anni, la quota del dollaro americano nelle riserve globali è diminuita sistematicamente. Per esempio, nel 2015 la valuta statunitense occupava circa il 66% del volume totale delle riserve finanziarie in tutto il mondo, tuttavia, alla fine del 2020, questo indicatore è crollato a meno del 59%, come evidenziato dai dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

La causa principale dell'adozione da parte di Cina e Russia di una politica finanziaria staccata dal predominio del dollaro statunitense è stata la guerra commerciale condotta da Washington durante la presidenza dell'ex presidente Donald Trump, che ha adottato l'assedio e il contenimento dell'economia cinese e russa come priorità economica del suo governo.

Parlando con RT, Victor Supyan, professore alla facoltà di economia mondiale e affari internazionali della Scuola Superiore di Economia russa, ha detto che l'introduzione da parte degli Stati Uniti di una serie di restrizioni tariffarie su questi paesi ha avuto un impatto negativo sulla posizione del dollaro come principale valuta di riserva del mondo.

"Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno perseguito una politica caotica e non completamente equilibrata nelle relazioni con i suoi partner: hanno imposto sanzioni contro gli alleati europei, il Canada e i paesi del sud-est asiatico. Questo non piaceva a nessuno, ovviamente. Di conseguenza, per assicurarsi contro tali azioni imprevedibili in futuro, gli stati hanno iniziato a passare attivamente a regolamenti in valute nazionali", ha spiegato Supyan.

D'altra parte, il declino della quota del dollaro americano nelle riserve mondiali può essere associato alla crescita del multipolarismo nell'economia mondiale, ha detto l'analista di FG "Finam" Alexey Korenev agli stessi media russi.

"Il mondo sta diventando multipolare e i paesi cominciano sempre più a negoziare tra loro, scavalcando gli Stati Uniti. Penso che questa tendenza continuerà, perché il dominio della moneta statunitense mette gli stati nella posizione di essere dipendenti da un certo "capo" nella persona degli stati. Nessuno vuole questo, specialmente la Russia e la Cina", ha commentato l'analista.

Va notato che negli ultimi sette anni, la proporzione di accordi in valute nazionali tra Mosca e Pechino è aumentata di quasi dieci volte. Se nel 2013-2014, i paesi hanno condotto il 2-3% di tutte le transazioni in rubli e yuan, entro la fine del 2020 la cifra corrispondente era circa il 24-25%, come ha ricordato l'ambasciatore russo in Cina, Andrei Denisov.

Gli esperti dell'US Congressional Research Service hanno notato nel rapporto che la Cina ha ripetutamente mostrato il suo interesse a sviluppare ulteriormente il sistema nazionale di pagamento elettronico e anche a promuovere la propria valuta digitale. Attraverso tali iniziative, la Cina sta cercando di creare opzioni alternative per le reti economiche, finanziarie, commerciali e tecnologiche globali, che sono attualmente controllate dagli Stati Uniti.

"Credo che l'influenza globale degli Stati Uniti diminuirà, semplicemente perché non sono fisicamente in grado di mantenere il dominio che possedevano in precedenza. In questo senso, la Cina è una potenza economica molto potente, che cresce più attiva ogni anno e che probabilmente supererà gli Stati Uniti nei prossimi anni. Il prossimo è l'India. Si presume che entro il 2035 l'India prenderà il secondo posto dopo la Cina, spostando gli Stati Uniti al terzo posto", ha detto Alexey Korenev a Russia Today.

 

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag