Set 16, 2021 05:23 Europe/Rome
  • Unicef: miliardi di bambini a rischio estremo a causa impatti climatici

GINEVRA (Pars Today Italian) - Secondo un rapporto dell’Unicef, quasi la metà dei 2,2 miliardi di bambini del mondo ...

sono già a “rischio estremamente alto” per gli impatti della crisi climatica e dell’inquinamento. Il capo dell’agenzia delle Nazioni Unite ha definito la situazione “inimmaginabilmente disastrosa”.

Quasi tutti i bambini nel mondo sono oggi a rischio per almeno uno di questi impatti, tra cui ondate di calore, inondazioni, cicloni, malattie, siccità e inquinamento atmosferico, afferma il rapporto. Un miliardo di bambini vive in 33 Paesi affrontando tre o quattro impatti contemporaneamente. I Paesi includono India, Nigeria e Filippine e gran parte dell’Africa subsahariana.

Il rapporto è il primo a combinare mappe ad alta risoluzione degli impatti climatici e ambientali con mappe della vulnerabilità dei bambini, come la povertà e l’accesso all’acqua pulita, all’assistenza sanitaria e all’istruzione. “Essenzialmente mostra la probabilità della capacità di un bambino di sopravvivere ai cambiamenti climatici”, ha affermato Nick Rees, uno degli autori del rapporto.

Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’Unicef, ha dichiarato: “Per la prima volta, questo rapporto fornisce un quadro completo di dove e come i bambini sono vulnerabili ai cambiamenti climatici, e questo quadro è quasi inimmaginabilmente terribile. Praticamente la vita di nessun bambino sarà inalterata”.

I bambini sono particolarmente vulnerabili ai rischi climatici. Rispetto agli adulti, i bambini richiedono più cibo e acqua per unità di peso corporeo e sono meno in grado di sopravvivere a eventi meteorologici estremi.

Il rapporto chiede l’inclusione dei giovani in tutti i negoziati e le decisioni sul clima, incluso il vertice Cop26 delle Nazioni Unite a Glasgow a novembre. “Le decisioni definiranno il loro futuro. I bambini e i giovani devono essere riconosciuti come i legittimi eredi di questo pianeta che tutti condividiamo”, ha affermato Fore.

Thunberg ha dichiarato: “Non siamo solo vittime, stiamo anche conducendo la lotta. Purtroppo, il mondo non sta ancora trattando la crisi climatica come un’emergenza. Stiamo ancora solo parlando e facendo il greenwashing invece di intraprendere azioni concrete. Ma, d’altra parte, ci sono stati molti milioni di persone mobilitate, soprattutto giovani, e questo è un passo molto importante nella giusta direzione”.

Nkosilathi Nyathi, un attivista per il clima dello Zimbabwe, ha dichiarato: “Le ondate di calore e le inondazioni hanno interrotto la scuola e gli agricoltori del mio villaggio stanno lottando con condizioni meteorologiche imprevedibili. Sono appassionato dell’inclusione dei giovani nelle piattaforme decisionali: i giovani sono la risorsa naturale più preziosa del mondo”.

Il rapporto dell’Unicef ha affermato che gli impatti della crisi climatica sono stati “profondamente iniqui” e molto probabilmente peggioreranno. I primi 10 paesi ad altissimo rischio sono responsabili solo dello 0,5% delle emissioni globali.

Il rapporto ha rilevato che 920 milioni di bambini sono altamente esposti alla scarsità d’acqua, 820 milioni alle ondate di calore e 600 milioni a malattie trasmesse da vettori come la malaria e la febbre dengue, che potrebbero peggiorare con l’arrivo delle condizioni climatiche adatte alla diffusione di zanzare e agenti patogeni.

“Ma c’è ancora tempo per agire. Migliorare l’accesso dei bambini ai servizi essenziali può aumentare significativamente la loro capacità di sopravvivere a questi rischi climatici. L’Unicef esorta i governi e le imprese ad ascoltare i bambini e a dare priorità alle azioni che li proteggano dagli impatti, accelerando al contempo i lavori per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra”, ha dichiarato Fore.

di Yahya Sorbello

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

 

Tag