Set 20, 2021 18:43 Europe/Rome
  • Russia: il partito di Putin Russia Unita vince le elezioni

(Pars Today Italian) –– Il partito al governo Russia Unita, che sostiene il presidente Vladimir Putin, ha vinto le elezioni parlamentari con il 49,82% dei voti,...

secondo i dati preliminari rilasciati dalla Commissione Elettorale Centrale (CEC) russa, lunedì 20 settembre. Con il 99% delle schede elettorali esaminate, il partito legato al Cremlino sembrerebbe aggiudicarsi la maggioranza alla Duma di Stato russa, altresì nota come Camera Bassa del Parlamento. Al secondo posto si è collocato il Partito Comunista (KPRF), con il 19% dei voti, seguito dal Partito Liberal-Democratico (LDPR) con il 7,49% delle preferenze e dal partito centrista Russia Giusta, con il 7,42%. Sebbene la vittoria di Russia Unita non fosse una sorpresa, la performance elettorale del partito legato a Putin ha riscosso meno preferenze del solito. Durante le ultime elezioni della Duma, tenutesi nel 2016, il partito aveva ottenuto oltre il 54,2% dei voti, ottenendo 343 seggi. Nelle prime ore del 20 settembre, il segretario del Consiglio generale di Russia Unita, Andrei Turchak, ha dichiarato che, secondo i dati preliminari, i rappresentanti della forza politica riceveranno 315 seggi nella Camera Bassa del Parlamento, su un totale di 450. Per quanto riguarda i collegi uninominali, il partito legato ha ottenuto 195 mandati. A contribuire alla vittoria di Russia Unita è stata la dura repressione messa in atto dal Cremlino per impedire agli oppositori di candidarsi. Nello specifico, le figure chiave sono state estromesse, arrestate o costrette a fuggire dal Paese. Un esempio chiaro è offerto dal maggiore critico di Putin, Alexey Navalny, attualmente in carcere per scontare una pena di due anni e sei mesi a seguito di accuse risalenti al 2014. I risultati delle elezioni, tenutesi dal 17 al 19 settembre, sono stati ampiamente contestati dalla comunità internazionale e dai maggiori attivisti, i quali hanno denunciato brogli elettorali. Secondo le forze di opposizione, in un contesto di elezioni eque e giuste, Russia Unita non avrebbe ottenuto tali punti percentuali. In aggiunta, già prima della chiusura dei seggi, il 19 settembre, i partiti di opposizione avevano segnalato alle Forze dell’ordine e alla CEC le numerose irregolarità che continuavano a perpetrarsi. Tra queste è stato denunciato il fatto che in molti seggi il numero di voti e di schede elettorali era maggiore rispetto al numero degli elettori.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag