Gen 12, 2022 15:16 Europe/Rome

Tokyo - Il governo giapponese ha dichiarato lo stato di emergenza limitato a tre prefetture dopo ...

un improvviso picco di infezione da Coronavirus durante la prima settimana di gennaio. Sebbene ci siano stati aumenti giornalieri di Covid in tutto il Giappone, si teme che il personale militare americano sia responsabile di aver innescato una nuova dirompente ondata di Pandemia nel paese.

Eppur il Paese continua a essere off limits nei confronti dell'esterno (non è ancora possibile viaggiare in Giappone per turismo) e introduce nuove limitazioni. 

A preoccupare particolarmente è la situazione a Okinawa, dove si è sviluppato un focolaio importante dentro e attorno alle base militari Usa. Il governo della prefettura ha denunciato 1.533 casi, di cui 429 tra militari americani. Tokyo ha raggiunto un accordo con gli Stati uniti per mantenere confinati i soldati Usa nelle loro basi per due settimane. 

I timori di un'epidemia di Covid-19 innescata dal personale militare degli Stati Uniti sono iniziati il 3 gennaio, dopo che i comandanti delle basi americane a Iwakuni (prefettura di Yamaguchi) hanno annunciato 143 nuovi casi di Coronavirus nei cinque giorni precedenti. A Okinawa, il 1° gennaio sono stati registrati 235 nuovi casi all'interno dell'esercito statunitense, un record di casi avvenuti in un singolo giorno per l'esercito che si trova lì. 

L’impressione che il personale militare degli Stati Uniti, gli appaltatori e i loro dipendenti, solitamente, si astengano dall’indossare la mascherina e ad attenersi ad altre misure comportamentali per aiutare a mitigare la diffusione di virus Corona (unito al fatto che ci sono almeno 54.000 militari stanziati in 85 stabilimenti situati in tutto il Giappone, senza contare gli 8.000 civili e appaltatori, più altri 45.000 dipendenti) hanno contribuito alla preoccupazione delle persone.

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag