Apr 23, 2022 20:36 Europe/Rome
  • Articolo, un libro sul vergognoso programma di tortura della Cia

WASHINGTON - Il controverso programma di tortura dell’agenzia di spionaggio statunitense (Cia) ...

nei primi anni della cosiddetta “guerra al terrore” statunitense è stato rivelato in un nuovo libro scritto da Cathy Scott Clark. La giornalista e autrice britannica, parlando a un panel virtuale ospitato la scorsa settimana dal think tank New America, ha presentato il suo prossimo libro “The Forever Prisoner”.

Il libro rivela i dettagli di una riunione segreta della Central Intelligence Agency (Cia) degli Stati Uniti in cui alti funzionari dell’intelligence hanno discusso vari metodi controversi per affrontare le persone soggette a consegna e “tecniche di interrogatorio avanzate”.

Durante l’esame di diverse opzioni, tra cui tenerli in detenzione, trasferirli in un altro Paese e perseguirli, un alto funzionario è stato citato per aver chiesto: “Perché non li uccidiamo e basta?”.

Il libro si concentra sul caso del detenuto di Guantanamo, Abu Zubaydah, che è stato interrogato usando tecniche che equivalgono a tortura, incluso il waterboarding 83 volte in un mese, appeso nudo al soffitto e privato del sonno per 11 giorni consecutivi.

Il centro di detenzione di Guantanamo Bay, noto anche come “Gitmo”, è diventato sinonimo di abusi e torture sui prigionieri nei primi anni della cosiddetta “guerra al terrore” degli Stati Uniti.

L’amministrazione del presidente George Bush scelse Guantanamo, un luogo desolato vicino alla punta orientale di Cuba, perché era sotto il pieno controllo dell’esercito americano e relativamente vicino alla terraferma, ma fuori dalla portata dei tribunali americani.

L’idea era che se i detenuti fossero stati tenuti lontani dal suolo statunitense, non avrebbero avuto il diritto legale di richiedere l’ordine di un giudice dell’habeas corpus, che protegge dalla detenzione illegale.

I detenuti di Guantanamo sono stati oggetto di diffusi abusi, umiliazioni e torture durante i loro interrogatori, i cui resoconti sono stati gradualmente esposti al mondo esterno dai pochi ispettori che hanno visitato la prigione e da alcuni dei detenuti che sono stati rilasciati anni dopo.

Clark, coautore di sei libri con il giornalista Adrian Levy, ha intervistato diversi alti funzionari dell’esercito e dell’intelligence statunitensi, tra cui James Mitchell, uno degli architetti del programma di tortura. Ha anche affermato che, nonostante la persistente smentita da parte dei funzionari statunitensi, esiste un legame tra Mitchell e altri creatori del programma di tortura della Cia e gravi abusi avvenuti nella famigerata prigione di Abu Ghraib in Iraq, che è stata occupata dagli Stati Uniti in seguito all’invasione del 2003.

La prigione è stata testimone di abusi fisici, psicologici e sessuali dilaganti da parte delle forze americane. Clark ha osservato che il suo libro descrive anche “come il programma di interrogatorio potenziato della Cia abbia portato ad abusi anche nell’esercito americano”.

“Le stesse persone… sono state coinvolte nell’elaborazione di programmi di addestramento, materiale di addestramento, addestramento della Cia, addestramento degli interrogatori per andare a Guantanamo, addestramento degli interrogatori a Bagram e poi degli interrogatori che sono andati ad Abu Ghraib.

“Jim Mitchell può giustamente dire ‘Non ho progettato ciò che è andato storto ad Abu Ghraib’, ma deve accettare la responsabilità di aver creato qualcosa che è andato fuori controllo”. Abu Ghraib, un tempo noto come camera di tortura dell’ex dittatore iracheno Saddam Hussein, è stato sotto il controllo americano dal 2003 al 2006.

Fonte: https://ilfarosulmondo.it/

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag