May 16, 2022 21:27 Europe/Rome
  • Salta l'accordo in Ue sul petrolio, l'Ucraina delusa

"Sfortunatamente non siamo riusciti a raggiungere un accordo sull'embargo al petrolio russo".

In serata è l'Alto rappresentante per la politica estera Ue Josep Borrell a suonare le campane a morto. L'ennesima fumata nera ormai conclama l'impasse europeo su una questione che, a parole, tutti dicono vada risolta al più presto ma che, nei fatti, si trascina di vertice in vertice. Anche perché secondo le stime della Commissione Europea la crescita economica sta rallentando sensibilmente e le sanzioni diventano un tema sempre più esplosivo. Senz'altro sul gas ma anche, evidentemente, sul petrolio. La questione è nota: l'opposizione dell'Ungheria. Perché totalmente dipendente dal greggio di Mosca e priva di accesso al mare, circostanza che le impedisce di compensare con le navi le forniture via tubo. Ecco perché la Commissione, in una limatura delle bozze, aveva proposto un regime particolare per Budapest, concedendole un'esenzione all'embargo fino al 2024. Lo stallo, però, non è stato superato né al livello del Coreper, ovvero i rappresentanti permanenti dei 27 presso l'Ue, né al passaggio successivo, quello dei ministri degli Esteri. Ora, con ogni probabilità, si dovrà salire ancora di più, portando il dossier al tavolo dei leader: la prima data disponibile appare quella del consiglio straordinario sull'Energia, previsto per il 30-31 maggio. Budapest non si è fatta intimidire: per compensare le sue perdite l'Ue dovrebbe mettere sul piatto tra "i 15 e i 18 miliardi di euro". "Se vuole far passare l'embargo - ha chiarito il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó - si deve esentare il greggio via oleodotto". La trattativa mina l'immagine di unità europea sino a qui mantenuta. I malumori serpeggiano. Kiev, per bocca del ministro degli Esteri Dmytro Kuleba, presente al consiglio di oggi, si è detta "delusa". "L'intera Unione Europea è ostaggio purtroppo di un Paese che non ci aiuta a trovare il consenso", ha dichiarato il collega lituano Gabrielius Landsbergis, tra i più attivi nel perorare la causa dell'embargo. Anche Luigi Di Maio si è detto contrariato per la china ormai imboccata. "L'Italia - ha notato - non pone veti al sesto pacchetto di sanzioni, che va approvato il prima possibile; è evidente che l'Ue deve imboccare un percorso di riforme per superare il principio dell'unanimità, che le vieta di prendere rapidamente alcune decisioni". "L'Ungheria - ha ribadito nel mentre Viktor Orbàn - non bloccherà le sanzioni dell'Ue purché non rappresentino un rischio per la nostra sicurezza energetica". Come accennato in apertura, il tema dell'energia sempre più s'intreccia a quello della crescita e dunque, stringi stringi, alla sostenibilità dei conti Ue. Le previsioni economiche della Commissione per la primavera registrano il persistere di "un'elevata incertezza" dovuta alla guerra in Ucraina e certificano uno scenario da incubo nel caso in cui si dovesse bandire il gas russo: addio al 2,5% di crescita e più 3% del tasso d'inflazione. Date le condizioni attuali, l'impatto - non ultimo a livello sociale - sarebbe difficilmente tollerabile. Non a caso Di Maio ha ribadito la "necessità del tetto ai prezzi del gas", prima che sia "troppo tardi". Una misura fortemente voluta dall'Italia (lo stesso Mario Draghi l'ha chiesta più volte) ma non ancora matura a Bruxelles - ragione in più per incardinare il pacchetto al prossimo Consiglio europeo. L'Ue intanto ha chiarito che le compagnie energetiche europee possono pagare il gas russo senza violare le sanzioni. "L'apertura di un conto bancario presso Gazprombank è possibile, a patto che non sia in rubli", ha precisato la Commissione, sottolineando che basterà saldare i pagamenti in euro o dollari "in linea con i contratti concordati" e ricevere una dichiarazione di avvenuto saldo. Spetterà poi a Mosca, secondo le indiscrezioni circolate nel weekend, effettuare la conversione. Un'interpretazione sotto la lente dell'Eni, che comunque continua a valutare la possibile apertura di due conti, uno in euro e uno in rubli, per far fronte alle scadenze per i pagamenti previsti nella seconda metà di maggio. "Eni - ha fatto sapere la compagnia - sta tuttora svolgendo le proprie valutazioni e al momento non ha avviato la procedura di apertura dei due conti".

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium