Set 25, 2022 20:19 Europe/Rome
  • Violazione dei diritti indigeni da parte dell'Australia

Esperti indipendenti del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno dichiarato che l'Australia ha violato i diritti degli indigeni delle Isole dello Stretto di Torres.

Lo stretto di Torres separa la penisola di Cape York, nel nord del Queensland, dalla Nuova Guinea. Funzionari dell'autorità regionale dello Stretto di Torres (TSRA) hanno affermato in precedenza che "anche un piccolo aumento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici può mettere in pericolo la vita, causare inondazioni nella regione e rendere inabitabili alcune delle isole Torres. Secondo l'IRIB, il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha annunciato in una sentenza che l'Australia dovrebbe risarcire i residenti dello Stretto di Torres per le violazioni dei diritti umani. Secondo i membri del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, il governo australiano non è riuscito a proteggere gli abitanti indigeni delle Isole dello Stretto di Torres dai cambiamenti climatici e questo problema indica una violazione dei diritti degli abitanti indigeni delle Isole dello Stretto di Torres. Nel 2019, il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha ricevuto una denuncia senza precedenti da 14 aborigeni - otto cittadini australiani e sei dei loro figli - che vivono sulle isole di Boygo, Puruma, Warabar e Masig, nello stretto di Torres. I querelanti hanno incolpato il governo australiano per la mancata costruzione della diga e la riduzione delle emissioni di gas serra. Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto all'Australia di avviare serie consultazioni per determinare i bisogni delle popolazioni indigene nella regione e adottare misure per garantire la sicurezza delle Isole dello Stretto di Torres.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag