Lug 26, 2021 08:26 CET
  • Islam e le minoranze religiose 9

vi presentiamo un'altra puntata della serie 'i diritti delle minoranze religiose nell’Islam.

Amici nel corso delle puntate precedenti abbiamo esaminato il diritto alla sicurezza e alla cittadinanza delle comunita’ religiose di minoranza nel Sistema islamico di governo. Oggi vogliamo trattare il tema dell’occupazione e l’assistenza sociale e il diritto dei seguaci delle altre religioni alla partecipazione nelle attivita’ finaziarie ed economiche come e’ previsto per tutti gli altri cittadini musulmani.

Uno dei doveri del governo islamico nei confronti della popolazione e’ quello di garantire loro la sicurezza economica e la tutela della proprieta’ private, indipendentemente dalla loro religione ed etnia.

In base alla giurisprudenza islamica nessuno, ne il governo ne I cittadini musulmani hanno il diritto di violare la proprieta’ dei non musulami. In altre parole essere musulmani e quindi in maggioranza non leggittima nessuno a sentirsi libero di violare i diritti di altri cittadini che numericamente sono in minoranza.

Per esempio possiamo riportare l’episodio durante il quale il nobile Profeta dell’Islam scrivendo una lettera a un ebero che si trovava sotto la tutela dei musulani ha dichiarato: Con questa lettera, Dio Altissimo e il suo messaggero Mohammad garantiscono la sicurezza a Nahya Ibn Royah, alla sua famiglia e la sua tribu’ in Yemen e Sham e in altre parti.

MusicaAbbiamo detto che la legge islamica garantisce ai non musulmani la sicurezza di vita, culto ed economica fino a quando questi sono in pace con il governo islamico e rispettano le leggi come tutti gli altri cittadini.

Il principe dei credenti, l’Imam Ali, sia lodato dal Signore, in una lettera rivolgendosi al suo governatore di Egitto dopo aver raccomandato di comportarsi con clemenza e rispetto con i tutti cittadini scrisse: La clemenza, l’affetto e la giustizia siano I tuoi principi irrevocabili nel tuo rapporto con coloro che si trovano sotto il tuo potere, in quanto loro si dividono in due gruppi; il primo sono I tuoi Fratelli in fede e gli altri sono coloro che hanno un’a religione ma hanno firmato con te il patto di pace e obbedienza. Quindi hai il dovere di rispettare, amare e proteggere entrami I due gruppi.

E’ famosa la celebre frase dell’Imam Ali che disse:” Non si puo’ biasimare chi morisse di dolore per la sofferenza di un non musulamo protetto dal governo islamico che ha subito l’ingiustizia”.

Nel Libro del diritto, che raccoglie le raccomandazioni e le lettere dell’ Imam Ali ibn Hossein, il quarto Imam degli sciiti si legge:” tutti I non musulmai che si trovano sotto la tutela del governo islamico hanno diritto di essere accolti e accettati come Iddio Altissimo li riconosce e li accetta. Fin quando loro rispettano le leggi e il patto con I musulmai, dovrete garantirgli il diritto alla sicurezza e gli dovete proteggere di fronte agli ingiusti e tiranni”.

Anche l’articolo 20 della Costituzione della Repubblica Islamica dell’Iran sul tema dei diritti del popolo e anche le minoranze religiose sottolinea:” Tutti gli uomini e le donne dell’Iran e tutta la nazione, sono uguali di fronte alla legge e la legge li protegge in uguale misura. Rispettando le norme islamiche tutti I cittadini iraniani godono degli stessi diritti umani, economici, sociali e culturali”.

 

Tag