Ott 10, 2021 12:11 CET

La pandemia ha causato una profonda recessione economica a livello internazionale. In questo programma cercheremo di approfondire - citando le osservazioni degli esperti -, l'impatto che la Pandemia del Coronavirus ha avuto a breve termine sull’economia mondiale e in particolar modo su quella americana.

Vi vogliamo parlare degli sforzi compiuti in questi ultimi anni, da parte di alcuni paesi, come Iran, Cina e Russia per ridurre l'uso della valuta statunitense nelle loro economie, in particolare, le parti stanno attivamente aumentando gli insediamenti bilaterali in valute nazionali, oltre a sviluppare i propri sistemi finanziari e di pagamento. Gli analisti statunitensi sottolineano nel testo che il dollaro rimane attualmente una componente importante dell'economia cinese, e la moneta nazionale statunitense occupa circa il 50-60% delle riserve del gigante asiatico. Un fatto che, secondo gli esperti, è giustificato perché gli Stati Uniti sono il più grande mercato di vendita di prodotti della Cina. "Pechino effettua ancora principalmente i pagamenti per le esportazioni verso altri paesi, così come nel quadro del progetto One Belt One Road, in dollari", hanno detto. Nel frattempo, la Cina sta attivamente prendendo misure per de-dollarizzare la sua economia. In particolare, il paese sta cercando di aumentare l'uso dello yuan negli accordi commerciali con i suoi partner, compresa la Russia. Ultimamente, la quota del dollaro americano nelle riserve globali è diminuita sistematicamente. Per esempio, nel 2015 la valuta statunitense occupava circa il 66% del volume totale delle riserve finanziarie in tutto il mondo, tuttavia, alla fine del 2020, questo indicatore è crollato a meno del 59%, come evidenziato dai dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Image Caption

La causa principale dell'adozione da parte dei paesi dell'asse anti dollaro, di una politica finanziaria staccata dal predominio del dollaro statunitense è stata la guerra commerciale condotta da Washington durante la presidenza dell'ex presidente Donald Trump, che ha adottato l'assedio e il contenimento dell'economia cinese e russa come priorità economica del suo governo. Secondo Victor Supyan, professore alla facoltà di economia mondiale e affari internazionali della Scuola Superiore di Economia russa, l'introduzione da parte degli Stati Uniti di una serie di restrizioni tariffarie su questi paesi ha avuto un impatto negativo sulla posizione del dollaro come principale valuta di riserva del mondo. "Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno perseguito una politica caotica e non completamente equilibrata nelle relazioni con i suoi partner: hanno imposto sanzioni contro gli alleati europei, il Canada e i paesi del sud-est asiatico. Questo non piaceva a nessuno, ovviamente. Di conseguenza, per assicurarsi contro tali azioni imprevedibili in futuro, gli stati hanno iniziato a passare attivamente a regolamenti in valute nazionali", spiega Supyan. D'altra parte, dicono gli analisti come il russo Alexey Korenev, il declino della quota del dollaro americano nelle riserve mondiali può essere associato alla crescita del multipolarismo nell'economia mondiale.

 

 

 

Tag